Avvisami quando torna disponibile Lascia il tuo indirizzo email e ti avviseremo quando il prodotto tornerà disponibile: questo servizio di notifica comporta l'accettazione delle nostre Condizioni & Privacy. Prendine visione!
Email Non pubblicheremo mai il tuo indirizzo E-mail

Accetta e continua

Consegna 24/48 h e gratuita per ordini superiori a 49 euro!

Close

Glicogeno

Cosa è il glicogeno? Si tratta di una macromolecola derivante dal glucosio, è un polisaccaride e nell’uomo svolge prevalentemente la funzione energetica; negli animali vertebrati come l’essere umano è situato nel muscolo scheletrico e nel fegato ma lo si può trovare in piccole quantità anche in altri tessuti.

Il glicogeno rappresenta circa il 10% del totale peso del fegato, che, a partire dal glucosio, lo può immagazzinare con la glicogeno sintesi o utilizzare in funzione della richiesta metabolica attraverso la glicogenolisi; questo meccanismo serve fondamentalmente per mantenere costante la quantità di glucosio presente nel sangue, meglio nota come glicemia.

Glicogeno: muscolare ed epatico

Possiamo classificare il glicogeno in due grandi tipologie, quello epatico e quello muscolare, vediamole:

1) epatico, si tratta ovviamente della parte di glicogeno contenuta nel fegato, rappresenta circa un terzo del totale presente in tutto l’organismo e viene prevalentemente utilizzato per mantenere costanti i livelli di glucosio nel sangue;

2) muscolare, è contenuto nella muscolatura striata o scheletrica, circa i due terzi del totale glicogeno è stoccato in questa forma che, al contrario di quello epatico, non può essere rilasciato nel sangue, e funge da riserva energetica istantanea per i muscoli.

Glicogeno nel bodybuilding

Per quanto riguarda gli sport di potenza come il sollevamento pesi, il glicogeno (muscolare scheletrico) svolge un ruolo fondamentale ai fini energetici; infatti l’energia di cui abbiamo bisogno per l’attività sportiva viene ottenuta dal glucosio, e quindi dal glicogeno, solo in presenza di elevata intensità ed esercizio anaerobico, mentre, nel caso di bassa o moderata intensità aerobica, l’energia può essere ricavata dai lipidi.

Allo stesso modo anche il glicogeno epatico è direttamente coinvolto con lo sport in quanto rappresenta quella parte di scorte energetiche che si vanno a ripristinare con il classico spuntino post workout; in merito a questo però è necessario ricordare che un solo pasto, pur completo che sia, non potrà mai farci recuperare completamente le energie perdute e quindi per ottenere un recupero totale sarà auspicabile seguire un programma alimentare ben strutturato a questo scopo, ma può esserci un problema.

Infatti per ripristinare completamente queste scorte, non solo epatiche ma anche a livello dei tessuti muscolari, sarà necessaria una dieta ricca di carboidrati che può dare luogo a numerosi picchi insulinici con conseguente immagazzinamento dei glucidi sotto forma di grasso.

Questa conseguenza nefasta può essere ridotta mangiando carboidrati a basso indice glicemico che dovrebbero mantenere costante il rilascio di insulina nel sangue; gli unici due pasti in cui l’indice glicemico dell’alimento può essere considerato di poca importanza sono la colazione e lo spuntino post allenamento; infatti in questi due frangenti il nostro organismo sarà così affamato di nutrienti che certamente non sarà necessario l’intervento dell’insulina per riequilibrare la glicemia nel sangue.

Whatsapp